Archivi categoria: Non solo economia

Potrà sembrare sorprendente, ma talvolta andare al cinema si rivela più utile che studiare su un manuale mainstream di macroeconomia. Come risaputo, il recente crollo finanziario ha portato ad un riesame della professione economica. In diverse parti del mondo è nata una serie di movimenti studenteschi che manifestano la loro insoddisfazione per il modo in cui l’economia è insegnata. Anziché basarsi su un dogmatismo neoclassico, tali gruppi rivendicano un approccio più pluralista all’insegnamento. Quello che denunciano, infatti, è l’incapacità della teoria mainstream di fornire loro quegli strumenti necessari al fine di comprendere adeguatamente il sistema economico che caratterizza la società odierna. Chiamare un amico e chiedergli di andare al cinema, quindi, a volte può essere più utile che leggere i soliti manuali.

 

Una buona occasione è stata offerta dal film “La grande scommessa”, uscito a fine 2015 e diretto da Adam McKay. Il film racconta la vita di diversi finanzieri americani che hanno previsto e tratto profitto dallo scoppio della bolla nel mercato immobiliare americano, che in ultima analisi ha condotto al dissesto finanziario del 2007-8. Il film, in particolare, pone in luce in maniera accurata, ma allo stesso tempo brillante, le pratiche illecite messe in atto dalle banche d’affari, dagli hedge fund e dalle agenzie di rating.

[Read More]

Nei miei precedenti articoli ho spesso preso una posizione chiara sul ruolo dell’economia in quanto disciplina sociale: è qualcosa di impossibile da astrarre e studiare da sola. Al contrario, tanti sono i campi dai quali attingere esperienze. La scienza politica è una scelta quasi obbligata, vista l’assurdità di costruire un sistema politico (o economico) senza contare sul suo sostrato economico (o politico). Lo stesso discorso si potrebbe fare in campo legale. Le leggi dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) regolano il commercio internazionale e influiscono sulla creazione di aree di libero scambio o di unioni doganali; le decisioni prese dalla Commissione Europea e dal Parlamento Europeo, le deliberazioni del Consiglio Europeo e dell’Eurogruppo prendono nelle loro mani il destino dell’Unione Europea, così come quello dell’Eurozona; o ancora andrebbe evidenziata l’importanza delle Convenzioni sui diritti economici, sociali e culturali. Questi sono tutti esempi di come le tre principali scienze sociali interagiscano fortemente tra di loro. Ma i campi da cui attingere non finiscono qui. L’economia normativa riprende una serie di discorsi filosofici e di politica economica; l’economia comportamentale parte dalla psicologia; e l’economia della scienza riguarda lo sviluppo e la ricerca e l’analisi costi-benefici negli ambienti accademici, pubblici e privati che siano.

[Read More]