Tutti gli articoli di Marco Schito

pdp

 

Capita che anche Topolino dia lezioni di economia. È successo nel 1992, quando il settimanale pubblicò una storia chiamata Zio Paperone e la valanga dei BOP.

 

La storia, prima di tutto. Il comune paperopolese (che per semplicità si assume come un’economia chiusa) si trova in una situazione di forte dissesto finanziario. Urgono opere pubbliche, ma le casse comunali, tanto per cambiare, sono vuote. I paperopolesi non spendono i loro soldi, preferendo tenerli nascosti, sotto il materasso, in cassaforte, dietro il ritratto della suocera, in attesa di “tempi migliori”.
[Read More]

Se si considera l’economia della scienza come il rapporto che si instaura tra la professione economica e la ricerca scientifica, allora si può dire che esistono almeno tre motivi per cui la scienza ha catturato l’attenzione degli economisti. Anzitutto la scienza è fonte di crescita. In secondo luogo, la ricerca scientifica ha le proprietà di bene pubblico – gli economisti sono interessati a capire perché i sistemi economici competitivi sono incapaci di produrre beni pubblici in modo efficiente. Infine, la natura pubblica della ricerca e gli inerenti spill-over sono fondamentali nella costruzione del modello di crescita endogena sviluppato da Paul Romer.

[Read More]